Archivi tag: ballottaggio

15,95%, un solo seggio, perché?

Spieghiamo perché a fronte di una percentuale di voti così alta il Movimento 5 Stelle a San Giovanni Lupatoto sarà rappresentato in consiglio comunale da un solo consigliere.

Innanzi tutto è bene sapere che i seggi da distrubuire tra le varie liste presentatesi sono 16.

Tra i due sfidanti al ballottaggio chi vince le elezioni acquisisce automaticamente il 60% dei seggi, e questo tradotto in cifre è equivalente a 9,6 seggi che arrotondato (per eccesso) consiste in ben 10 seggi. Infatti al gruppo capitanato da Vantini Federico spettano esattamente 10 seggi.

I restanti 6 seggi vengono distribuiti proporzionalmente tra le restanti liste secondo il metodo d’Hondt. Spiegato a parole questo metodo risulta di una complessità mostruosa, quindi molto meglio partire coi dati alla mano; si osservi questa tabella:

 

In questa tabella sono elencati:

  • nella prima riga tutti i candidati sindaci – si rammenta che Fiocco Gino è divenuto alleato di Zerman Fabrizio dopo il primo turno;

  • nella seconda riga sono presenti tutti i voti attribuiti alla lista, voti da riferirsi ovviamente al primo turno d’ elezioni – ai voti di Zerman Fabrizio (4.031) vanno sommati i voti di Fiocco Gino (594);

  • in tutte le altre righe è presente il quoziente ottenuto dividendo i voti della lista per il numero presente nella prima colonna.

Visto che i seggi ancora da assegnare sono 6, vengono ricercati i 6 quozienti più alti, escludendo la lista capeggiata da Vantini Federico poiché vincitrice e già premiata col 60% dei seggi. Ognuno dei 6 quozienti più grandi rappresenta l’attribuzione di un seggio per la lista capitanata dal candidato sindaco indicato in alto. Si conclude quindi che il gruppo di Zerman Fabrizio ottiene 3 seggi, mentre Nuvoloni Andrea, Taioli Remo e Gastaldello Attilio ottengono un solo seggio a testa.

In conclusione per il nostro Andrea Nuvoloni una grande responsabilita': quella di essere il solo portavoce della volonta’ di 1923 cittadini lupatotini Un compito impegnativo che verra’ affrontato con grinta e passione da tutti i componenti del  Movimento 5 stelle di San Giovanni Lupatoto.


Il programma conteso

Siamo in piena campagna elettorale per il ballottaggio ed arrivano gli ultimi accordi per entrambi i candidati.

Se il candidato del centro-destra ed attuale Sindaco F. Zerman (Lega) ha trovato supporto in G. Fiocco (UDC) e A. Gastaldello (parte PDL), quello del centro-sinistra F. Vantini ha stretto legame con R. Taioli (lista civica) e con parte del PDL (nella figura del dissidente A. Turella) in piena contrapposizione con il Sindaco uscente.

E dov’è il Movimento 5 Stelle?

Nel rispetto di quanto proclamato non stringiamo alleanze con nessuno.

Libera scelta ai nostri elettori (1.923, vale a dire quasi 16%) per il ballottaggio, ma questo non vuol dire che si smetta di fare informazione.

Tutti cercano il nostro appoggio o perlomeno il nostro contatto (ndr: e per forza, siamo la prima lista della Città!) e non sono mancate offerte “importanti” pur di avere il nostro consenso e sostegno.

La risposta è semplice: NO!

Il nostro obiettivo era quello di entrare in Consiglio Comunale che è stato pienamente raggiunto con DUE nostri candidati (Andrea e Martina) eletti.

Poi si leggono su giornali e sul web alcune dichiarazioni che davvero lasciano basiti.

Il ritorno alla coscienza pubblica, all’oggettività e l’intento di trasparenza pervade ora in ogni schieramento politico da quando il Movimento ha sconquassato il panorama nazionale e locale.

Unica postilla: come mai SOLO ORA si parla di trasparenza? Come mai SOLO ORA si parla di condivisione?

Il nostro programma potrà essere condiviso, e questo ci fa enormemente piacere perché è sintomo che siano idee oggettive e utili al bene comune. Ma perché non ammettere che sia davvero così? Perché cercare ANCORA di raggirare le persone, non dicendo la verità? Trasparenza è anche sincerità.

Come le voci che insinuavano che il Movimento avesse pagato 22000€  l’intervento di Beppe Grillo alla festa del 28 Aprile.

Non ci sfiorano neppure queste dichiarazioni. Infatti se si va a vedere il nostro bilancio (on-line e pubblico) si nota che le spese per il “regalo” a Beppe sono di circa 19 €.

Per favore, quando si parla di valori cerchiamo di essere obiettivi e veritieri.

In conclusione, visto che i programmi dei candidati al ballottaggio coincidono in buona parte col programma 5 Stelle, probabilmente dopo il risultato del voto avremo dei buoni collaboratori che accetteranno le nostre proposte pur essendo all’opposizione!

Buon voto a tutti.


Ballottaggio

È opportuno chiarire la nostra posizione in merito.

Noi invitiamo tutti a votare, ad esercitare il proprio diritto di voto e ad adempiere al proprio dovere di solidarietà politica, come ben ci dice la Costituzione.

L’ assenteismo è diametralmente opposto alla nostra logica di coinvolgere i cittadini in ogni fase della politica, in merito a qualsivoglia contenuto.
Chi  votare? Come potremmo noi dare indicazioni dal momento che ci riteniamo essere gli esecutori del volere dei cittadini?

I cittadini, chi ci ha preferito in particolare, sono cittadini attivi, che non si aspettano direttive da noi, ma che si informano e sanno decidere cosa è meglio per loro. Confronteranno i progammi dei due candidati sindaci, valuteranno l’operato dell’amministrazione precedente e le intenzioni dell’altro schieramento. Decideranno chi li potrebbe tutelare meglio e lo voteranno. Oppure se non si sentiranno rappresentati nè dall’uno nè dall’altro faranno in modo di farlo capire esprimendo il loro dissenso con una scheda nulla o rifiutando di farsi consegnare la scheda.
I 1923 a 5 stelle si informano, valutano e decidono.

Noi attendiamo di entrare in comune con i due consiglieri che ci spettano… qualunque sia lo schieramento che governerà.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.108 follower